Chi sono i Business Angel e cosa hanno a che fare con le start-up innovative?

Chi sono i Business Angel e cosa hanno a che fare con le start-up innovative?

 

Negli ultimi tempi i termini business angels e start-up innovativa vanno a braccetto a più che mai, a tal punto che si rende opportuno approfondire l’argomento e spiegare cosa siano di fatto questi Business Angels e cosa fanno, nello specifico, nell’ambito delle start-up innovative. 

Non perdiamo altro tempo, quindi, e analizziamo nel dettaglio la figura del Business Angel, ovviamente, però, non prima di aver fatto un doveroso cappello introduttivo su cosa si intenda per start-up innovative. 

 

Start-up innovativa: che cos’è

 

L’argomento start-up innovativa è ampiamente trattato nel nostro blog dal momento che oggigiorno ne esistono molte, alcune estremamente conosciute e famose (ne citiamo 3 in questo articolo). Ad ogni modo, conviene sempre rinfrescarsi la memoria. Per start-up innovativa s’intende quel tipo di impresa il cui obiettivo deve essere lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di beni e/o servizi ad alto valore tecnologico. L’azienda in questione, quindi avrà un core business aziendale esclusivamente basato sull’innovazione e lo scopo di di trovare risposte strategiche e operative a problemi esistenti di cui ancora si è trovata soluzione. Di start-up innovative. 

 

Business Angels: Chi sono e cosa fanno

 

Business Angel è un termine inglese la cui traduzione letterale sta per Angeli del Business a testimoniare il ruolo di angeli custodi che queste figure hanno nei confronti delle aziende con cui entrano in contatto. I Business Angels, quindi, di fatto non sono altro che investitori, soggetti che credono in un’idea innovativa presente dietro l’attività di un’impresa e decidono di destinare alla stessa parte dei loro soldi affinché l’idea diventi realtà. 

Chiamati anche Angel Investor, queste figure sono definite come investitori informali in quanto si distinguono dai principali enti di credito, come banche e istituti di credito (definiti, al contrario, investitori formali), non tanto per il capitale fornito ma anche e soprattutto perché il Business Angel, oltre ad investire il proprio capitale personale, apporta alla start-up anche le proprie competenze, l’esperienza pregressa e i contatti che possiede nel settore in cui la start-up opera. Un aiuto di gran lunga maggiore, quindi, rispetto a quello dei classici investitori formali. 

Inoltre, per chi se lo chiedesse, la figura del Business Angel è debitamente regolamentata dalla Legge di Bilancio 2019 la quale sancisce l’obbligo di iscrizione ad un apposito registro presso la Banca d’Italia e fissa il tetto minimo di investimento a 50.000€ in tre anni, per chiunque voglia intraprendere tale carriera. 

 

Business Angels: che ruolo hanno nelle start-up innovative

 

Come sarà ormai facile intuire, i Business Angels hanno un ruolo essenziale nello sviluppo e nella salvezza di una start-up innovativa. L’incontro con una di queste figure, può davvero cambiare le sorti dell’azienda e questo perché, come dicevamo, il suo apporto non consiste soltanto nel mero capitale, ma comprende anche le sue competenze e conoscenze, altre alla vasta rete di contatti di settore che una figura del genere porta con sé. 

Un Business Angel è molto più di un finanziatore, quindi, è un consulente che assiste la start-up innovativa nelle sue fasi più cruciali, ovvero all’inizio del suo ciclo di vita, mettendo a disposizione la sua competenza per fornire consigli e linee guida specifiche. Permette agli startupper di tirare un sospiro di sollievo e di fare tesoro della grande esperienza e conoscenza del settore che il Business Angel porta con sé.

Volendo semplificare, i motivi per cui un Business Angel opera soprattutto (e quasi esclusivamente) nella fase iniziale di una start-up innovativa sono 2:

  • il rendimento ottenibile è maggiore se si investe quando un’attività è agli inizi piuttosto che se è già avviata
  • c’è la possibilità di dare alla start-up la forma voluta, contribuendo con le proprie esperienze e conoscenze.

 

Ovviamente, però, il Business Angel non è un angelo pro bono; prima di decidere se investire o meno in una start-up innovativa piuttosto che un’altra fa le sue dovute considerazioni e non c’è da stupirsi, dopotutto si tratta sempre di una persona fisica in cerca di un modo per investire i propri risparmi da cui garantirsi un buon rendimento. 

I fattori che condizionano la scelta di un Business Angel di investire in una determinata start-up innovativa sono molteplici, in primis l’idea stessa del progetto e il rendimento, ma colpiscono molto anche la passione e l’impegno dei soci startuppers e la loro capacità creativa e di problem solving. 

 

 

Bene, abbiamo visto cosa sono i Business Angels, cosa fanno e che ruolo hanno, nello specifico, all’interno delle start-up innovative. Questa vuole, ovviamente, essere solo una panoramica dell’argomento, per approfondire ulteriormente l’argomento è necessario coinvolgere esperti di settore, di modo da essere seguiti e tutelati in ogni fase del processo.

Ad ogni modo, se ci fossero ulteriori dubbi o quesiti al riguardo,  non esitate a contattarci! Il nostro staff sarà più che lieto di rispondere ad ogni domanda. 

Scopri come costituire una start-up innovativa