Le caratteristiche del Business Plan

 

E’ bene essere chiari fin da subito, redigere un Business Plan non è certo cosa da poco. Perché questo sia efficace infatti, ovvero in grado di aiutare la pianificazione aziendale, è necessario che possieda delle peculiari caratteristiche, le quali ne condizionano la fattibilità.

 

Sappiamo che il business plan è un documento che viene in aiuto a chiunque voglia mettere in pratica una qualsiasi idea imprenditoriale dal momento che permette di valutarne la fattibilità economico finanziaria (e quindi di capire se tale idea imprenditoriale può funzionare o meno) e di redigere una guida per la sua realizzazione ed implementazione. Inoltre, come è possibile leggere nel nostro precedente articolo “Il modello di Business Plan come strumento per evitare la crisi aziendale”, il business plan è anche quel documento che risulta fondamentale ai fini di una corretta gestione e pianificazione strategica aziendale soprattutto per la sua capacità di prevedere, e quindi evitare, il possibile insorgere di un’eventuale crisi aziendale. Questo perché, analizzando e monitorando costantemente gli aspetti di questo documento, è possibile monitorare anche le 3 dimensioni aziendali (reddituale, patrimoniale e finanziaria) che risultano fondamentali ai fini di evitare e/o saper gestire il possibile insorgere di una qualsiasi crisi aziendale. In poche parole, monitorando ed aggiornando costantemente con dati validi e reali il business plan, è possibile monitorare anche le tre dimensioni in oggetto ed elaborare svariate previsioni future preparandosi così per tempo al possibile presentarsi di situazioni d’allarme.

 

Le caratteristiche

Perché il Business Plan sia in grado di notare continuamente ogni cambiamento che avviene nella vita e nell’assetto aziendale (in ognuna delle tre dimensioni sopra citate) è necessario che sia redatto ed aggiornato tenendo conto di una serie di caratteristiche fondamentali.

  • completezza
    Perché un business plan sia completo bisogna che racchiuda al proprio interno tutto ciò che riguarda l’idea di business. Questo significa che è necessario raccontare come tale idea è nata, perché la si vuol portare avanti, con chi lo si vuol fare e che mezzi si ha a disposizione per realizzarla.
  • chiarezza
    E’ importantissimo ricordare che il business plan non ha solo una funzione interna di monitoraggio e di guida ma ne ha anche una esterna, ovvero serve per presentare la propria idea di business a possibili investitore e finanziatori e per questo deve essere il più chiaro possibile. E’ per questo che è fondamentale evitare qualsiasi cosa che ne pregiudichi la comprensione da parte di chi lo legge, come l’utilizzo di acronimi, inglesismi e parole complicate. Per lo stesso motivo è inutile concentrarsi solo sui numeri presentando un piano che mostri solo tabelle ma è opportuno invece riportare solo i dati più rilevanti e presentarli nel modo più accessibile possibile, magari aiutandosi con grafici ed illustrazioni rappresentative delle analisi condotte. Più il documento sarà semplice e di facile interpretazione, più sarà efficace.
  • analiticità
    Il fatto che il business plan debba essere chiaro e semplice non significa che non debba essere analitico. Analizzare a fondo la fattibilità economica e finanziaria di ogni aspetto dell’idea di business è essenziale per poter poi fornire una visione completa e dettagliata della stessa con semplicità. 
  • sinteticità
    Perché il business plan possa essere utile e quindi facilmente comprensibile deve anche essere sintetico, ovvero deve riuscire a fornire il più alto numero di informazioni possibile nel minor spazio accettabile. Per questo è bene non dilungarsi in spiegazioni troppo complicate ma riuscire a sintetizzare quelle importanti ed esporle con chiarezza e semplicità
  • efficacia
    Infine, il Business Plan deve essere in grado di fare ciò per cui nasce, ovvero mostrare la situazione aziendale attuale proponendo una sintesi non solo dello stato attuale ma anche del programma di interventi previsti corredando il tutto con un’analisi attenta del prodotto/servizio che si vuole offrire e del mercato su cui si intende lavorare. Solo così il business plan sarà efficace.

 

Come accennato all’inizio di questo articolo, e come si sarà adesso facilmente intuito, redigere il business plan è un’operazione lunga complessa e che deve essere svolta con un altissimo livello di attenzione. E’ per questo motivo che nel tempo si sono sviluppati software specifici di Business Intelligence in grado di raccogliere, analizzare e tradurre in tempi ridotti i dati in conoscenza e quindi di qualificarsi come soluzione non solo efficace ma anche economica alla redazione di un tale documento.

 

Clicca qui per conoscere la nostra proposta per un Business Plan Professionale che sia efficace e fattibile.

E non scordarti che con noi la prima consulenza di marketing è gratis! Richiedi subito informazioni!

 

Inoltre solo Marketing Col Cuore ti dà la garanzia Soddisfatti o Rimborsati al 100%. Non lo sapevi? Scopri di cosa si tratta.

Share This