Come funzionano le ripetizioni online

Come funzionano le ripetizioni online, breve guida

 

Che la didattica sia cambiata esponenzialmente negli ultimi anni non è certo un segreto; l’avvento della pandemia ha costretto studenti, insegnanti e lavoratori di ogni età ad apprendere ed insegnare attraverso il web e i suoi strumenti digitali. 

È chiaro, quindi, come le stesse ripetizioni online, già presenti e utilizzate prima del 2020, abbiamo subito un incremento vertiginoso dell’attività. 

Le ripetizioni online, infatti, sono sulla bocca di tutti, ma come funzionano di preciso? Scopriamo insieme le modalità attraverso cui viene svolto questo servizio di didattica 2.0, ovviamente non prima, però, di aver ricordato le principali differenze tra .

 

Ripetizioni online: come funzionano

Di modalità per approcciarsi alle ripetizioni online ce ne sono svariate, dalle principali piattaforme che raccolgono più professori e materie, a siti web specifici e dedicati che accompagnano lo studente in maniera privata.

Non solo, le ripetizioni online possono essere usufruite da studenti di qualsiasi età, dalle elementari all’università, basta trovare il sito di riferimento più adatto alle specifiche necessità; uno dei tanti vantaggi delle lezioni online

Ad ogni modo, a prescindere da questo, l’iter da intraprendere per svolgere delle ripetizioni online è sempre lo stesso:

  • lo studente contatta il docente attraverso il form di contatto ed esplicando in modo esaustivo l’argomento (o più argomenti) su cui ha bisogno di recuperare, le motivazioni, e le date e gli orari in cui ha necessità di farlo.

  • lo studente riceve un preventivo dettagliato riportante il calendario e il programma di studio, ma anche altre informazioni importanti come il contratto e le modalità di pagamento per usufruire del servizio.

  • se lo studente è contento con il prezzo richiesto, le lezioni possono cominciare nella prima data utile concordata. Spesso, lo studente viene anche fornito di tutto il materiale didattico necessario.

Ripetizioni online: le piattaforme utilizzate 

Dal momento che le ripetizioni online non prevedono un luogo fisico per il loro svolgimento, a differenze delle classiche lezioni in presenza a cui tutti siamo abituati, vengono generalmente svolte su tutta una serie di piattaforme online più o meno conosciute e più o meno ricche di strumenti didattici interattivi. Le principali piattaforme utilizzate per fare lezioni private online sono:

  • Zoom
  • Google Meet
  • Skype
  • Office 365 Education

 

Zoom è la piattaforma cloud-based forse più famosa al mondo per fare videoconferenze all’avanguardia ed è altamente usata anche per la didattica digitale, dal momento che offre strumenti specifici come la creazione di sotto-stanze (e quindi di gruppi, nel caso di una lezione collettiva) e la possibilità di porre domande e quesiti su quanto spiegato attraverso lo strumento “sondaggi”. Prevede una versione gratuita (ma limitata a 40 minuti per videocall) e una a pagamento, di circa 15€ al mese (la cosiddetta versione pro). 

Google Meet, invece, è la piattaforma per videoconferenze di proprietà di Google e, a differenza della rivale appena citata, ha il vantaggio di lavorare direttamente sul web; non è, cioè, necessario scaricare nessuna applicazione specifica (come invece è inderogabile fare con Zoom) per poter usufruire della piattaforma. Anche questa, ad ogni modo, dispone di un piano gratuito (60 min per videocall) e di più piani a pagamento, a partire dagli 8Ṩ.

Skype, poi, è forse la piattaforma per fare video-chiamate più famosa al mondo (solo in Italia sono circa 8 milioni gli utenti attivi ogni mese) ma, va detto, non è un programma espressamente progettato per la didattica, anche se alcune delle sue estensioni possono ingannare perché utili all’utilizzo a fini di insegnamento.

Infine, è molto usato anche Office 365 Education, il pacchetto Microsoft che include tutti gli strumenti Office conosciuti con l’aggiunta dell’applicazione Teams, una piattaforma sviluppata appositamente per la collaborazione lavorativa che torna utile anche per l’insegnamento. Con Teams infatti è possibile sia chattare che archiviare file, fare videoconferenze e integrare l’utilizzo di tutti gli altri strumenti Office.

 

 

Bene, abbiamo visto come funzionano le ripetizioni online e quali sono le principali piattaforme usate per il loro svolgimento. Ricordiamo, ad ogni modo, che quanto scritto vuole solo essere una panoramica introduttiva all’argomento, per avere tutte le informazioni utili e necessarie a prendere una buona decisione è sempre meglio rivolgersi ad esperti del settore, così da non incorrere in spiacevoli incidenti. Se ci fossero ancora dubbi o chiarimenti riguardo quanto appena esposto, non esitate a contattarci! Il nostro staff sarà più che lieto di rispondere ad ogni domanda.

 

Informati sulle nostre ripetizioni universitarie

oppure 

Chiedi aiuto per la tua tesi di laurea