La nostra “famiglia aziendale” cresce in numero e qualità, siamo davvero soddisfatti di questo e speriamo che ciò sia funzionale ad una reale crescita globale del nostro brand e delle nostre capacità comunicative/commerciali. Saremo ancora più pronti ad offrirti servizi e prodotti, informazioni e performance di qualità!

Un grazie di cuore ai tanti Professionisti che saranno al nostro e vostro fianco per far crescere il business delle aziende, offrire consulenze marketing specialistiche e proporvi percorsi formativi avanzati.

Abbiamo già conosciuto Andrea Paoli, ora facciamo quattro chiacchiere con Andromeda Aliperta.

Ciao Andromeda, anzitutto grazie per la tua disponibilità, abbiamo sentito e letto molto di te, sono molteplici gli ambiti professionali di cui ti occupi, spaziando da Copywriter Senior, Digital Content Specialist Seo, Communication, digital strategic e project planner, ma tu, in pochissime parole, come ti definiresti?
In poche parole mi definirei una professionista del copywriting e della comunicazione sul web con quasi ventennale esperienza. Nella mia carriera ho collaborato con decine di realtà aziendali, aggiornato migliaia di blog, realizzato contenuti per centinaia di siti web, app e non solo. Sono partita dalla creazione dei siti web e alla fine mi sono specializzata sui contenuti, sulla user experience che ritengo fondamentali per ottenere risultati sul web. Oltre a questo anche l’analisi dei dati è ormai imprescindibile da una strategia mirata al risultato.

Qualche tempo fa, durante un importante Congresso di settore, sentimmo parlare un illustre luminare marketing che disse: “non serve essere qualcuno nel web, basta sapere quello che vogliamo essere ed impegnarsi per esserlo davvero”. Cosa ne pensi di questa affermazione? Credi che sul web basti essere in grado di esprimere le proprie capacità per affermarsi?
Vuol dire essere in linea con il proprio target e perseguire il proprio obiettivo con i mezzi e le modalità corrette monitorando con attenzione traffico e risultati per migliorare i punti di debolezza e consolidare i punti di forza.

Dalla tua esperienza digitale, quale/i aspetto/i rappresenta/rappresentano, oggi, il vero differenziale aziendale, rispetto ai competitors della nicchia di mercato che si vuole occupare?
Anche se sembra una definizione un po’ inflazionata, l’unico modo è quello di creare valore. Questo vuol dire che oltre ad essere concorrenziali occorre proporre qualcosa in più o migliore rispetto agli altri e diffonderla al proprio target nel giusto modo. Il primo step è essere certi di proporre cose di cui le persone hanno veramente bisogno e che il proprio prodotto/servizio sia di elevata qualità tale da interessare il cliente. Non dimentichiamo che oggi sul web tutto si consuma in fretta e che le recensioni degli utenti hanno il potere di creare o di distruggere una realtà commerciale e una reputazione in pochi secondi.

Tornando alla collaborazione con Marketing col Cuore, come dicevamo all’inizio, la nostra azienda sta crescendo, tu sei l’ultima arrivata, cosa pensi di poter dare e cosa ti aspetti da noi? Solitamente, quando si arriva in un posto nuovo ci si guarda un po’ attorno e si cerca di percepire quelle che sono le prime sensazioni/impressioni circostanti. Posso chiederti quali sono le tue prime impressioni e, soprattutto, le tue concrete volontà collaborative, in termini di progettualità operativa?
Quello che posso portare io è in linea con ciò che sono e che faccio, come detto prima. Il mio mantra è semplificare, rendere la comunicazione più fluida e diretta verso il target. Oltre a questo, il mio sforzo è inutile se non ci diamo da fare per migliorare la user experience rendendo le scelte dell’utente sul sito semplici ed intuitive, immediate. L’utente deve essere guidato verso la scelta, deve averla a portata di mano ma non deve mai essere invasiva. Le mie impressioni sono di una realtà che desidera mettersi in gioco seriamente per e magari anche in discussione per migliorare ed evolversi verso un modello di comunicazione e di business al passo coi tempi.

Abbiamo notato, anche dall’immagine correlata a quest’articolo, che le risorse coinvolte nel Progetto di Comunicazione integrata di cui fai parte abbracciano un territorio molto ampio. Sappiamo che “il web azzera le distanze”, ma ciò di cui ci siamo spesso resi conto è che, non sempre, internet riesce a colmare il gap gestionale e volitivo di coloro che operano in sedi diverse, con metodologie distinte. Arriviamo alla domanda, cosa pensi del “Remote Working” di cui tanto si parla, ma ancora, purtroppo, poco si conosce? Ed ancora, credi che questa “nuova” metodologia di lavoro sia, ad oggi, completamente applicabile a qualsiasi modello di business, senza alcun rischio?
Il remote working può funzionare benissimo oppure essere un disastro. Dipende tutto dall’organizzazione che c’è a monte. Quello che in genere lo fa funzionare male in base alla mia esperienza è la ridondanza di informazioni e quando non c’è una linea chiara e univoca, i troppi passaggi, la scarsa fiducia oppure problemi burocratici ed amministrativi. Tolto questo, le cose potrebbero funzionare bene. Come dicevo dipende dalla volontà di tutti i collaboratori e dall’organizzazione.

Noi, come sai, da oltre 10 anni abbiamo investito molto tempo e denaro su un “Sistema lavoro” tutto improntato sulla gestione remota dei nostri prodotti e servizi formativi (come Master, Corsi Specialistici ed e-book). Ora abbiamo deciso di implementare e migliorare la parte informativa e di approfondimento del nostro sito web, per farlo ti abbiamo chiesto di collaborare con noi per il raggiungimento di un obbiettivo preciso. Tale obbiettivo consiste nella realizzazione di un sistema di “fidelizzazione spontanea” (o, se si preferisce, “naturale”) del cliente, presente e potenziale, il quale dovrà atterrare sul nostro sito, solo dopo aver percepito l’utilità concreta di ciò che gli offriamo, rispetto alle sue reali esigenze aziendali. Perché ciò avvenga le nostre attività dovranno essere tutte rivolte a generare un servizio di informazione digitale che rappresenti un plus valore, rispetto a quanto offerto nelle tradizionali Piattaforme E-commerce. Con la giusta sinergia tra tutte le risorse, umane e strumentali, da noi coinvolte nel Progetto di cui abbiamo detto sopra, vogliamo creare un Magazine on line, di marketing specialistico, gratuito ed accessibile a tutti. Attraverso questo strumento informativo, ecco il plus valore, tutti coloro che si registreranno sulla nostra Piattaforma, potranno ricevere, sulla mail personale, aggiornamenti personalizzati e materiale da utilizzare per scopi privati. Che ne pensi? Hai già qualche idea concreta da suggerirci?
Semplificare, mirare al target, monitorarlo, affiancare il cliente o il potenziale cliente con contenuti interessanti, senza asfissiarlo, con un mail worflow distanziato di due giorni per mail, mai invasivo e un massimo di 5-7 mail, inserire un solo CTA nel punto giusto ed usare un modello di DEM graficamente accattivante e adatto all’utente. Less is more, quindi niente HTML ma testo ed immagini, la mail deve essere “leggera”.

Non vogliamo abusare del tuo tempo, prima di salutarti ed augurarti buon lavoro, permettimi due ultime domande. Ecco la prima: durante la tua consolidata esperienza professionale hai mai pensato di non farcela?
Se è per questo anche di cambiare mestiere. Ad esempio mi piacerebbe dedicarmi alla scultura oppure finire quel romanzo cominciato tanto tempo fa. Invece sono quasi venti anni che lavoro nel settore e perché in qualche modo ho a che fare con la materia prima che amo, la scrittura, anche se declinata spesso per scopi commerciali. Quando mi sarò veramente stancata lo saprò, per il momento sento di essere in una fase di crescita professionale ed entusiasmo.

Noi, forse un po’ incoscientemente, abbiamo sempre creduto che dalle difficoltà possano nascere le opportunità migliori, anche nel “mondo del marketing”, o del business, genericamente inteso. Per offrire ai nostri lettori la giusta misura di quanto crediamo nella comunicazione, fatta anche di “socializzazione”, consentimi, conoscendo la tua sensibilità a riguardo, di conclusione questa nostra interessante intervista con un consiglio all’acquisto dell’ultimo e-book da noi pubblicato. Si tratta di un testo dove il lettore troverà una interessante analisi pratica–operativa dei molteplici aspetti legati al “mondo social”, riferiti ai vantaggi e benefici che le “community web” possono garantire alle imprese ed al loro assetto manageriale. Sappiamo che ti occuperai anche della ottimizzazione dei nostri canali Social, come pensi di intervenire per migliorarli?
Un canale social serve per tenere viva l’immagine di un’azienda, è un canale “caldo”, dove è possibile vedere immediatamente attraverso gli strumenti di monitoraggio il tasso di engagement della propria audience. Quello che cercherò di fare è andare a definire meglio l’audience di riferimento e migliorare le interazioni con i post e la il numero di visualizzazioni e di like alla pagina, in modo da avere qualche lead anche da lì.

Bene, abbiamo conosciuto Andromeda Aliperta, e siamo ancora più convinti di aver individuato una Professionista seria e capace, non resta che ringraziarti anticipatamente per il tuo fattivo e competente sostegno che vorrai rivolgerci.

Ad maiora!

Share This